La ditta PAX si è impegnata a migliorare il loro acclamato modello PAX 2 su alcuni aspetti decisivi. Il concetto principale dietro il vaporizzatore PAX 3 è di offrire tutte le caratteristiche di un vaporizzatore fascia alta, ad un prezzo di fascia media, mantenendo un riscaldamento a conduzione. Un compito ambizioso e siamo curiosi di scoprire se ci sono riusciti.

Recensione PAX 3 - Prestazione

Reattività

Questo dispositivo è un vaporizzatore a conduzione, ma nelle funzioni di riscaldamento e raffreddamento sembra voler imitare un calore a convezione e on-demand. Il PAX 3 si riscalda alla temperatura desiderata entro circa 15 secondi e si raffredda subito dopo aver erogato il vapore. Le luci LED colorate che compongono la caratteristica X, passano gradualmente dal blu scuro ad un verde chiaro e viceversa, a seconda che il dispositivo si stia riscaldando o raffreddando.

Erbe e Concentrati – sul serio!

La camera del PAX3 è abbastanza capiente per circa 0,3 grammi, una quantità che dovrebbe produrre facilmente circa 20 estrazioni prolungate quando si passa gradualmente attraverso le 4 impostazioni di temperatura. Un secondo bocchino con un terminale a tampone ti permetterà di riempire la camera con mezzo carico, mantenendo le tue erbe ben compatte. L'inserto per concentrati ha l'inconveniente di sporgere in modo leggermente ingombrante dalla parte posteriore del vaporizzatore, ma non presenta difetti in termini di prestazione. L'inserto è piuttosto capiente e due fori d'aria dovrebbero impedire perdite di materiale fuso e appiccicoso nei canali d'aria del PAX 3. Assicurati di tenere il vaporizzatore sempre più o meno in posizione eretta, c'è sempre il rischio che il concentrato fuoriesca nel dispositivo.

Ottima autonomia

La durata della batteria del PAX 3 è uno dei miglioramenti più evidenti rispetto al suo predecessore. La batteria sembra quasi durare per sempre e dovresti essere in grado di estrarre tre comode e lunghe sessioni di vaporizzazione con una sola carica. La ricarica della batteria richiede solo 90 minuti e l'unico inconveniente è il collegamento magnetico tra il caricabatterie USB e il dispositivo che è piuttosto delicato.

Vapore saporito e tiepido

Il dispositivo è piuttosto piccolo, una caratteristica che incide sempre sulla freschezza del vapore. Detto ciò, il vapore prodotto da questo dispositivo non irrita la gola e il bocchino in silicone rimane sempre fresco, anche a temperature più elevate. Il vapore ha un sapore pulito, permettendo di apprezzare appieno gli aromi delle tue erbe in tutte le loro sfaccettature.

Recensione PAX 3 – Qualità di fabbricazione

Compatto ed elegante

Il vaporizzatore PAX 3 ha le stesse dimensioni del suo predecessore ed è facilmente palmare. L'unità emette una sensazione di comfort e vanta un peso rassicurante. Il guscio in alluminio con finitura opaca è disponibile in rosa dorato, nero, argento e verde acqua. Questi rivestimenti rendono il vaporizzatore uno spettacolo per gli occhi anche se non sono immuni a segni di logorio. Assicurati di tenere le chiavi e le tue monete in un'altra tasca dei tuoi pantaloni.

Accesso facile

Tutti i materiali collegati al percorso d'aria sono di grado medico. La camera e il bocchino sono situati alle due estremità opposte del vaporizzatore, offrendo il percorso d'aria più lungo possibile e quindi il vapore più fresco possibile. Il coperchio della camera resta in posizione grazie a delle calamite ed è quindi facilmente sostituibile. Un piccolo inconveniente di questa progettazione altrimenti ingegnosa è che la presa d'aria principale è presente lungo il giunto del coperchio. Questo significa che è possibile che avvicinandoti al dispositivo sentirai l'odore dei residui delle tue erbe. In ogni caso, PAX vende tappi speciali per sigillare entrambe le estremità del vaporizzatore per la massima discrezione.


Recensione PAX 3 – Facilità d'uso

Un unico pulsante per domarli tutti

Un'altra caratteristica che conosciamo dal PAX 2 è l'operazione a singolo pulsante situato tra due fessure d'aria sul bocchino. Anche se questo non è esattamente inuitivo per gli utenti che si aspettano di trovare il pulsante di controllo sul corpo del vaporizzatore, ci si abitua a questo modo di gestire il proprio vape piuttosto rapidamente. Questo singolo pulsante regola tutte le funzioni: spegnere e riaccendere, entrare nella modalità di controllo della temperatura e scalare le impostazioni di temperatura. Una vibrazione ti avverte quando il dispositivo è pronto in modo da poter fare altro mentre aspetti il riscaldamento. Il manuale d'uso fornisce solo le istruzioni iniziali, ma sul sito PAX troverai tutti consigli e trucchi d'uso.

Giroscopio

Beh, non è proprio un giroscopio, ma l'accelerometro integrato e il controllo intelligente ti fanno sentire come se questo vaporizzatore fosse spaventosamente consapevole di come lo stai gestendo e gesticolando (quindi sii gentile). Scuotendo il vaporizzatore apparirà il livello di temperatura, prendendolo in mano si attiverà automaticamente la camera di riscaldamento e posandolo si attiva il raffreddamento.

Un'app incredibilmente utile

Normalmente il funzionamento di un vaporizzatore tramite un'applicazione sul tuo telefono risulta un po' trovata inutile. Ma questa volta, il vaporizzatore PAX 3 ci ha effettivamente colpito con un'applicazione che espande in modo utile le già notevoli capacità del dispositivo. A parte la scelta standard di personalizzazione delle impostazioni di temperatura con incrementi di un grado, l'applicazione consente di scegliere tra quattro modalità di riscaldamento. La modalità 'stealth' si mantiene alle temperature più basse in modo da produrre un vapore appena visibile. In modalità 'gusto', il dispositivo si riscalda solo quando inali, fino alla temperatura impostata più bassa, per conservare e preservare ancora di più l'aroma delle tue erbe. La modalità 'boost' limiterà il raffreddamento del dispositivo che è utile se apprezzi nuvole particolarmente dense, mentre la modalità 'efficienza' aumenterà automaticamente e gradualmente la temperatura durante una sessione, eliminando la necessità di dover scalare manualmente tra le impostazioni. È anche possibile aumentare la discrezione del vaporizzatore spegnendo le luci mentre il dispositivo è in fase di riscaldamento e raffreddamento.

Recensione PAX 3 – Manutenzione e Accessori Essenziali

Il vaporizzatore PAX 3 viene coperto da una rassicurante garanzia di 10 anni. La pulizia del dispositivo si effettua facilmente immergendo le diverse parti in alcool isopropilico. Sono inclusi dei scovolini che si possono inserire nel percorso dell'aria per una pulizia più profonda.

Basic Kit e Complete Kit

Il PAX 3 è disponibile con un kit di base (kit di manutenzione, un bocchino piatto, uno ad arco e un coperchio standard per la camera) o con un kit completo (inserto concentrato, coperchio per camera a mezzo carico, utensile multiuso, custodia e retine aggiuntive), per circa 50 euro in più. Il kit di base permette agli appassionati di erba più moderati di godere dell'esperienza del PAX 3 pur rimanendo saldamente nella fascia prezzo media. Il kit completo ha il beneficio di offrire accessori ad un prezzo molto più vantaggioso rispetto all'acquisto separato di ogni accessorio.

Accessori

La maggior parte degli accessori disponibile per il PAX 2 sono anche compatibili con PAX 3, un aspetto che potrebbe convincere gli utenti del PAX 2 a passare al prossimo modello. Dai un'occhiata all'adattatore pipa ad acqua e a supplementari capsule per erba per facilitare il pre-riempimento di capsule, se intendi usare fuori casa il tuo vaporizzatore.


Recensione PAX 3 – A chi è adatto?

Il PAX 3 ha sicuramente una marcia in più rispetto al PAX 2 in termini di tempo di riscaldamento/raffreddamento e autonomia della batteria, per cui gli appassionati del PAX potrebbero considerare un aggiornamento. Con il suo prezzo di fascia media e la sua caratteristica portabilità, il PAX 3 sembra orientato verso i vaporisti in movimento che si rifiutano di scendere a compromessi sulla qualità. Flessibilità, qualità del vapore, personalizzazione, discrezione.....questo dispositivo ha tutte le qualità di un vaporizzatore portatile di lusso. Il PAX 3 sembra essere stato progettato pensando all'utente esigente che preferisce un modello raffinato e semplice.

Recensione PAX 3 – Pro e Contro

Pro

- Controllo smart dei gesti per un rapido riscaldamento e raffreddamento
- Integrazione di applicazioni utili
- Adatto ad erba e concentrati
- Notevole autonomia della batteria e rapida ricarica
- Ottimo rapporto qualità-prezzo

Contro

- Guscio esterno soggetto a logorio
- Presenta una lieve curva di apprendimento
- Minori imperfezioni: l'inserto concentrato sporge un po'
- entrambe le estremità possono emettere un po' di odore

Recensione PAX 3 – Verdetto finale

Il PAX 3 è la più recente impresa della PAX che vuole dimostrare che un vaporizzatore portatile di fascia alta può avere un prezzo di fascia media. Grazie ai significativi passi avanti fatti in termini di autonomia della batteria e tempo di riscaldamento/raffreddamento, questo vaporizzatore supera definitivamente il PAX 2 e si distingue tra i suoi simili nella stessa fascia di prezzo. Il controllo smart del movimento è finemente in sintonia con le tue esigenze di vaporizzazione, un fattore chiave nella capacità del dispositivo di riscaldarsi e raffreddarsi rapidamente. Inoltre supera con successo l'obiezione più comune che abbiamo contro i vaporizzatori con riscaldamento a conduzione e riesce ad essere un dispositivo per concentrati dalle ottime prestazioni. Il modello più recente di PAX dovrebbe quindi essere in cima alla lista spesa di qualsiasi appassionato serio di vaporizzatori.

Ordina Pax 3


Commenti

=