Una delle più interessanti e acclamate novità nel campo dei vaporizzatori portatili è il Ghost MV1. Come primo dispositivo del produttore Ghost, dal design eccezionale, dalla tecnologia innovativa e dal look fantasticamente futuristico, questo vapo è qui per creare onde e cambiare per sempre l'esperienza di vaporizzazione portatile.

Tuttavia, la bellezza e i benefici di questo dispositivo si rivelano concretamente solo dopo aver padroneggiato una curva di apprendimento operativa. Siamo qui per aiutarti ad ottenere il massimo dalla tua esperienza Ghost MV1. Questi suggerimenti e trucchi ti aiuteranno a sviluppare ulteriormente le funzioni di base apprese attraverso il manuale d’uso.

Ci sono diversi fattori che influenzano un'estrazione di erba dal vaporizzatore portatile Ghost MV1: la secchezza del materiale, la temperatura selezionata, il tipo di materiale, la grossolanità della macinazione, la velocità di estrazione e l'altezza dello stelo d'aspirazione. Una delle esperienze più gratificanti nella vaporizzazione è quella di conoscere a fondo il tuo dispositivo. Sapere come combinare e mettere a punto tutti gli elementi che lo influenzano crea un’esperienza soddisfacente e davvero tua.

Materiale

In qualsiasi vaporizzatore, è essenziale che si utilizzi materiale da vaporizzare essiccato. Tuttavia, nel Ghost, questo aspetto incide ancora di più. Qualsiasi umidità nel materiale botanico influisce negativamente sulle prestazioni. Il modo migliore per assicurarsi che il materiale sia essiccato, è quello di macinarlo e poi stenderlo su un pezzo di carta, per circa mezz'ora. Questo dovrebbe garantire un'essiccazione ottimale.

Le erbe secche dovrebbero essere macinate grossolanamente. Una macinazione troppo fine potrebbe vedere alcune particelle uscire dai fori del filtro ed entrare nel percorso dell'aria del vaporizzatore. Come con la maggior parte degli altri vaporizzatori, la camera delle erbe, che in questo caso è un crogiolo rimovibile, dovrebbe essere riempito fino all'orlo, ma non troppo fittamente. Dopo aver riempito il crogiolo si raccomanda di pressare leggermente sull'erba, assicurandoti che non strabordi. La perfetta densità dell'erba è anche il risultato delle tue esperienze ed esperimenti.

Ordina accessori MV1 Ghost MV1 ►

Temperatura

Un altro aspetto fondamentale di grande influenza sulle prestazioni è il livello di temperatura. Per una migliore esperienza, è meglio iniziare con l'impostazione più bassa della temperatura. La prima aria calda che attraversa le erbe inizia la vaporizzazione dei composti a temperatura d'estrazione più bassa. Prendendo uno o due tiri a questo livello, poi due o tre a quella media e terminando con qualche tiro al quarto o quinto livello, si otterrà la sessione migliore. Tutti i composti saranno così erogati alla temperatura giusta, l'intera gamma di aromi sarà stata rilasciata e saranno state prodotte nubi di vapore dense e copiose.

Tutti questi aspetti, l'estrazione, l'aroma e il volume di vapore, nel Ghost MV1 sono di altissima qualità. Tuttavia, vogliamo continuare a sottolineare che per raggiungere il massimo livello di prestazione è necessario conoscere il tuo dispositivo.

Per quanto riguarda il calore prodotto dal vaporizzatore, tieni presente che il crogiolo si scalda molto. Infatti, non è possibile toccarlo subito dopo una sessione. Si tratta di un sistema di riscaldamento a convezione e nonostante i materiali a bassa conducibilità, il crogiolo e il coperchio restano ancora molto caldi e necessitano di qualche istante di raffreddamento prima di essere scambiati o rimossi.

Dopo una sessione il produttore raccomanda di aprire il coperchio e soffiare sul crogiolo, o di inalare attraverso lo stelo senza premere il pulsante, per permettere all'aria fredda di passare attraverso il percorso dell'aria, raffreddandolo.

Foto di @Doornappel

Alcuni altri consigli e trucchi per il tuo Ghost MV1

Batteria Ghost MV1

Dopo aver ricevuto Ghost MV1 è necessaria una piena ricarica per poter iniziare a utilizzare il dispositivo. Con l'acquisto di un caricabatterie veloce puoi evitare una carica iniziale prolungata. Tuttavia, se un caricabatteria veloce non è disponibile, prima del primo uso mettilo in carica e aspetta fino al giorno successivo, quando la luce si dovrebbe spegnere. Non eseguendo correttamente questo passo può “danneggiare” o mostrare “una carica falsa” della batteria.

Ghost MV1 e concentrati

Il Ghost funziona in modo molto efficiente con i concentrati. È necessario assicurarsi che il Ghost sia in modalità concentrati, poi aggiungi il tuo estratto al tampone prima di metterlo nel crogiolo.

Ultime note

Il Ghost MV1 non è un classico vaporizzatore portatile. È leggermente più ingombrante della media, richiede spazio e tempo per il caricamento e la potenza necessaria per il suo funzionamento lo rende più adatto come portatile domestico. In altre parole, non è il vaporizzatore portatile che si porta in discoteca o ad un festival.

Il Ghost MV1 ha un proprio sistema operativo che lo distingue da molti normali metodi di vaporizzazione. È importante conoscerlo e capirlo prima di utilizzarlo. Tuttavia, una volta raggiunta questa curva di apprendimento, la purezza e la potenza della sessione non hanno rivali rispetto alla maggior parte degli altri vaporizzatori portatili che trovi sul mercato. Una vera gemma rara.

Ordina il Ghost MV1 ►


Commenti

=